Uncategorized

JONNY GREEWOOD AL TEATRO DELL’AQUILA DI FERMO PER UN CONCERTO DI BENEFICENZA A SOSTEGNO DEL PATRIMONIO ARTISTICO DANNEGGIATO DAL SISMA

Con un messaggio sul suo account Twitter, Jonny Greenwood, chitarrista dei Radiohead, ha ufficializzato il concerto di beneficenza a sostegno del patrimonio artistico delle Province di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo danneggiato dal sisma del 2016, che terrà il prossimo 25 ottobre al Teatro dell’Aquila di Fermo. L’evento nasce grazie all’impegno di ArteProArte, comitato ideato da Fabio Pucciarelli, Sharona Katan e Carla Paciaroni, e vede la collaborazione con l’Amministrazione del Comune di Fermo e la produzione musicale affidata a TAM – Tutta un’Altra Musica.

Per l’occasione Greenwood sarà accompagnato da Daniel Pioro (violino), Katherine Tinker (pianoforte) e Giuseppe Franchellucci (violoncello), con un repertorio che spazierà da Steve Reich a Johann Sebastian Bach, passando anche attraverso alcune sue composizioni musicali tratte dai film “Il Petroliere” (“There will be blood”) e “Il Filo Nascosto” (“Phantom thread”), per la cui colonna sonora ha ricevuto una nomination ai Golden Globe e agli Oscar 2018.

Un appuntamento di caratura internazionale, che in linea con gli scopi istituzionali del Comitato ArteProArte, si ripropone di realizzare la raccolta di fondi per finanziare il restauro e il recupero di quadri, sculture, strumenti musicali ed altri oggetti d’arte, che hanno subito le pesanti conseguenze delle scosse succedutesi tra l’agosto e l’ottobre 2016.

Dopo il successo del concerto di Thom Yorke e Jonny Greenwood dei Radiohead presso lo Sferisterio di Macerata nell’agosto del 2017, il Comitato ArteProArte, composto da Sharona Katan, Fabio Pucciarelli, Carla Paciaroni, Carlo Maria Binni, Giorgio Piergiacomi, Catherine Sofio e Katie Norgrove, torna con questo unico e imperdibile evento musicale che vede protagonisti Jonny Greenwood ed altri straordinari musicisti di spessore internazionale a chiedere la partecipazione e la solidarietà di quanti fattivamente vogliano contribuire al recupero dell’arte danneggiata dal sisma. Col contributo del Comitato sono già stati restaurati il dipinto ad olio su tela “La Deposizione dalla croce” proveniente dalla Chiesa di San Benedetto e San Biagio di Montemonaco (AP), attualmente ricoverata presso l’attiguo Museo Sistino di Arte Sacra e la “Crocefissione con Vergine Maria, San Giovanni Battista e committente ( Fra Benedetto d’Ansovino)”, opera del maestro Gaglianvecchio risalente al 1430 ca, collocata presso la Pinacoteca di Camerino, originariamente proveniente dalla Chiesa di Sant’Angelo di Piazza ed attualmente ospitata presso il deposito “Venanzina Pennesi” di Camerino.

Non solo, ma fra le altre numerose opere al momento al vaglio del Comitato e già finanziate, spicca l’organo al tempo collocato presso la Chiesa di San Martino Vescovo, sita nel Comune di Monte San Martino, il cui restauro, ormai quasi giunto al termine, è stato possibile realizzare grazie alla fattiva collaborazione del Comitato con altri enti.
In ogni caso, filo conduttore dei restauri resta un concetto unico: riportare a nuova vita il territorio marchigiano ferito dal sisma e rinfrancare lo spirito dei suoi abitanti. In particolare il Comitato ArteProArte intende attivarsi per il recupero di strumenti musicali danneggiati, riportandoli alla loro bellezza originaria e valorizzandone i colori anche attraverso composizioni musicali moderne.

“Per la Città di Fermo – afferma il Sindaco Paolo Calcinaro – è sicuramente un onore ma anche una grande prima volta avere la presenza di un artista di fama mondiale come Jonny Greenwood, con il quale durante un mercatino estivo abbiamo visitato il nostro teatro, rimanendone molto colpito, e di questo sono davvero orgoglioso. Mi piace ribadire il fine benefico dello spettacolo, il ricavato della serata infatti andrà al Comitato ArteProArte e ciò è ulteriore motivo di vanto e di gratitudine per la vicinanza che questo artista ha con il nostro territorio colto nella sua bellezza ma anche nella sua fragilità. Una persona che già apprezzava le Marche prima del sisma ma la cui sensibilità è stata ancor maggiore dopo l’evento e questo è qualcosa di veramente mirabile”.

“Dopo il concerto di Jovanotti, con un’enorme rilevanza a livello nazionale – aggiunge Francesco Trasatti, Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Fermo – ospitiamo un altro evento di assoluto valore. I contatti con Greenwood erano stati avviati da tempo, ma abbiamo aspettato che maturasse il momento giusto. Per quella settimana era già previsto l’allestimento della lirica, ma siamo riusciti comunque a ritagliare una serata per accogliere questo appuntamento con un’artista che ha già dimostrato, concretamente, di amare il Fermano, stabilendosi nell’entroterra. Vogliamo ringraziarlo pubblicamente per aver scelto Fermo e un teatro, Il Teatro dell’Aquila che, sempre di più, si conferma come punto di riferimento culturale delle Marche. Questo concerto sarà il vero avvio della stagione 2019-2020 e segnerà una pagina straordinaria, l’ennesima, della storia della nostra città“.

“Come accade da tre anni con RisorgiMarche – sottolinea Giambattista Tofoni, ideatore di TAM Tutta un’Altra Musica – con il mio staff ci occuperemo della produzione musicale di un appuntamento che poggia le proprie basi sulla solidarietà e sull’attenzione verso il nostro territorio, che purtroppo mostra ancora le ferite provocate dal terremoto. Ospitare Greenwood e condividere questa esperienza con ArteProArte e il Comune di Fermo è per noi motivo di orgoglio: siamo convinti, infatti, che attraverso la musica e tutte le varie discipline artistiche, si possa mantenere alta l’attenzione sulle problematiche che, ancora oggi, toccano direttamente la popolazione marchigiana e, nel caso specifico, la situazione legata al patrimonio artistico. La cultura, e lo ribadiamo anche in questa occasione, è sempre uno strumento di conoscenza e condivisione, fondamentale per mantenere coesa una comunità“

ℹ️ I biglietti per il concerto saranno disponibili per la vendita sul circuito Vivaticket a partire dalle ore 10 di lunedì 2 ottobre 2019